Pagine al Vetriolo Mi scappa di scrivere!

15Lug/080

Sapevatelo, ovvero Vetriolo Educational Channel

No Gravatar

Questo blog dimenticato da Dio e, spesso, anche dal suo autore, ha da poco festeggiato i 3 anni e vanta il miglior record negativo di visitatori... A dirla tutta, mi chiedo se qualcuno lo legga ogni tanto, ma immagino di sì perchè non ho mai effettuato 2000 refresh della pagina per aumentare il contatore :mrgreen:
Un giorno ero lì, in sala server, tutto solo soletto con la compagnia del ronzio delle ventole e scaldato da un gruppo di continuità, stavo navigando su internet e ho letto di questi blog. Il passo successivo è stato aprirne uno, così, tanto per fare qualcosa di ggiovane.
Uno dei 5, ad essere ottimista, visitatori un giorno mi fa "Ma come? E' il tuo blog e di te non c'è niente?"
Gli ho risposto che se quello che penso, riversato in forma scritta, è "niente", forse non ha mai visto un Tg nazionale.
Tuttavia, se proprio qualcuno non avesse un cazzo di meglio da fare che leggere questo blog, ho inserito una breve scheda visibile a questa pagina.
Oltre a questo, sappiate che ho 32 anni e il mio nome, Fabrizio ha origine da questo breve aneddoto, scritto tempo fa, che vi riporto in versione (quasi) originale

I miei, giunti dalle lande di Bitonto, in provincia di Bari, nel 1975, abitavano al numero civico 36 di Via Monesiglio a Torino: com'è, come non è, mia mamma rimase incinta. A mia mamma faceva cacare l'idea di chiamarmi Pasquale come gli altri miei 23450 cugini e così era alla ricerca di un nome....che cominciasse con la "effe" come il mio cognome (non sono sanissimo di mente io, ma a quanto pare dipende da tare genetiche ) perchè, diceva e dice ancora, "porta fortuna".
Meno male che non le hanno mai detto di pestare una merda...
Era quasi decisa per Fabio quando, passando davanti ad un portone, qualche civico prima del nostro, vide il fiocco azzurro con scritto "Fabrizio". Era il 7 Aprile 1976... 3 giorni dopo, il 10, ho visto la luce io.
11 anni dopo, in prima media, indovinate chi ho ritrovato nella mia classe? Il vicino Fabrizio, che di tanto in tanto rivedo ancora. Insomma, non è sempre tutta colpa mia... :mrgreen:

25Feb/081

Traumi infantili

No Gravatar

Questo post nasce da una lunga conversazione con Asia che, oltre a cercare di convincermi inutilmente a fare attività fisica, si è letteralmente smascellata dalle risate a sentire il racconto giustificativo per evitare la piscina e mi ha pregato, sempre ridendo, di pubblicarlo sul blog. Eccolo.

Ho imparato a nuotare a 11 anni. Forse erano 13.
Non ho mai avuto paura dell'acqua, e così, in terza elementare, insieme ai miei compagni di classe cominciai a frequentare il corso di nuoto in aggiunta alla regolare ora di ginnastica. Acquistai con mamma la cuffietta, le ciabattine, il costumino, l'accapatoio e tutto il necessario per le lezioni. Sono sempre stato esile di costituzione, e da piccolo ero anche piuttosto cagionevole: le mie lezioni di nuoto non sono durate molto.
Di quel primo e unico giorno ricordo di essere stato indirizzato in prima corsia, dove c'erano tutti quelli che non sapevano nuotare.
Mi fu data una tavoletta galleggiante e un salvagente. Un pò goffo, mi buttai in acqua e presi a fare le mie vasche. Credo di aver a malapena iniziato la seconda vasca quando, esausto, mi abbrancai ai galleggianti posti a separare le corsie... qualche metro più in là c'erano alcuni miei compagni che facevano anche i tuffi...
Dall'alto, l'istruttore mi esortò a mollare i galleggianti... "Nuota!" mi urlava.
E io "Ma sono stanco, non ce la faccio..."
"Molla il galleggiante, muovi le gambe! Nuota!"
"Non ce la faccio... ho male!"
Al che, l'istruttore non ha trovato di meglio da fare che prendere una tavoletta e tirarmela dietro.
Non ho mai più rimesso piede in acqua, se non al mare coi miei, col salvagente.
Un giorno, credo di aver avuto 11 o 13 anni, stavo giocando con mio fratello al mare. Mi tira uno spintone, finisco in acqua senza salvagente... e inizio a nuotare, così, come se nulla fosse. Rispetto a qualche anno prima avevo studiato il principio di Archimede, quello secondo cui "un corpo immerso in un fluido riceve una spinta dal basso verso l'alto pari alla sua massa". Avevo anche scoperto di essere stronzo perchè, come ben sapete, gli stronzi galleggiano. Tutto grazie ad un trauma.

14Lug/050

… e 3!

No Gravatar

E' già la terza volta che apro il pannellino del blog, inizio a scrivere qualcosa e lo richiudo subito dopo perchè non so come continuare! 😀 Meglio così, mi sento molto rilassato oggi. Finalmente.
Così mi sono ricordato dell'ultimo momento di relax...
Ciao amora mia! Ti abbraccio tutta forte forte ^_^
Sei molto in gamba, sai? Dico sul serio.
Ti prenderei come padawan perchè la Forza scorre potente in te.
Sei anche un gran bel pezzo di Twi'lek, oltretutto... 😉 😀

12Lug/050

Solo

No Gravatar

Uffa... non scrive nessuno sul blog?
Cattivi... 🙁
Piango? Piango.

13Giu/050

Buonaseeeera!

No Gravatar

Eccomi qua! Dopo una luuuunga astinenza, riprendo con la mania del blog e,
per esteso, con la mania della scrittura.
Presto racconto qualcosa.