Pagine al Vetriolo Mi scappa di scrivere!

11Apr/090

Ci vogliono i riti!

No Gravatar

Ci vogliono i riti".
" Che cos'è un rito?" disse il piccolo principe.
" Anche questa è una cosa da tempo dimenticata", disse la volpe.
" E' quello che fa un giorno diverso dagli altri giorni, un'ora dalle altre ore. C'è un rito, per esempio, presso i miei cacciatori. Il giovedì ballano con le ragazze del villaggio. Allora il giovedì è un giorno meraviglioso! Io
mi spingo sino alla vigna. Se i cacciatori ballassero in un giorno qualsiasi i giorni si assomiglierebbero tutti, e non avrei mai vacanza".

Tratto da "Il piccolo principe" di Antoine de Saint-Exupery

L'incontro tra la volpe e il Piccolo Principe è uno dei tanti passi illuminanti di questa piccola e meravigliosa fiaba che ho scoperto postuma, come molte altre cose: è strano come la scuola riesca a rendere insopportabili aspetti interessantissimi della vita di ognuno... la lettura, la voglia di imparare, scoprire cose nuove... Comunque, non è questo il tema portante di questo intervento sul blog.
"Ci vogliono i riti" dice la volpe, o più semplicemente ci vuole l'opportunità di rendere un giorno qualunque un giorno straordinario, da ricordare, altrimenti, prendendo di nuovo in prestito le parole della volpe, "i giorni si assomiglierebbero tutti", portandosi dietro quella sgradevole sensazione di essersi lasciati scorrere addosso una parte della propria vita.
Il 10 Aprile ho compiuto 33 anni... Non è un grande evento, ci sono milioni di 33enni sulla Terra.
Era tempo però che, in virtù di questa non importanza, sentivo di non aver mai fatto nulla per festeggiarmi... Non sono speciale, non sono importante, l'importanza deve darla qualcuno, come per i giorni. Un ricordo è tale se qualcuno ricorda, altrimenti è solo un evento come tanti.
Così ho radunato le persone che hanno fatto di questo ultimo anno un periodo da ricordare, le ho raccolte attorno a me (purtroppo non tutte, a malincuore) e ho fatto dell'ennesimo 10 aprile il mio 33esimo compleanno. Un giorno da ricordare, con il "Tanti auguri a teeeee...." intonato da Roberta al mio arrivo per riparare la stampante, al "Tanti auguri a teeeeee...." intonato da Samanta, Elena, Salvatore, Marco, Diego, Erika, Alex, Fabiana e Roberta più tardi quando è arrivata la tartaten con le candeline sopra e il numero "33".
E' stato come tornare indietro nel tempo, quando i riti esistevano ancora e festeggiavo il mio compleanno.
Grazie a tutti 🙂

Pubblicato il vetriolo

Commenti (0) Trackback (0)

Ancora nessun commento.


Leave a comment

Ancora nessun trackback.