Pagine al Vetriolo Mi scappa di scrivere!

6Mar/140

Revolving balls (“Balle girevoli” per i non anglofoni)

No Gravatar

No, non mi vedrete ciondolare appeso a una palla da demolizione nè leccare martelli come nelle parodie di Miley Cyrus.
Qualche giorno fa ricevo una telefonata da una eccessivamente entusiasta impiegata/promotrice della mia banca, Unicredit, e ciò sarebbe già sufficiente a giustificare il titolo. Tuttavia non sono di quelli che ce l'hanno con le banche per partito preso: ce l'ho con le banche a ragion veduta. Sfido chiunque a considerare un qualunque istituto di credito come un' associazione filantropica. E' più consona l'immagine di una spaccata sui cactus, parlando di banche.
Comunque... Riporto di seguito il brevissimo colloquio telefonico.
"Buongiorno signor xxxxx. Lei usa la carta di credito?"
"Sì, una Genius Card ricaricabile per qualche acquisto su internet"
"Ah, bene! Può interessarle la nostra carta Flexia?"
"No, perchè è una carta revolving"
"..... No! No! No! Assolutamente no!..." (di seguito, link alla scheda informativa sul prodotto, pagina 1 "Il prodotto in sintesi", terza riga)
"Ah, non è una carta revolving? E lei come la chiama una carta di credito che mi permette di spendere i miei soldi regalandovi a fine mese successivo un tasso variabile fra il 12 e il 19%? Io la chiamo revolving, quindi non mi interessa"
"Va bene, grazie, buongiorno"

Ecco, brava. Per la precisione è una OPTIONAL/revolving, cioè può funzionare come una carta revolving.
Sarò prevenuto, ma la possibilità, se sei una banca, è una visita proctologica garantita.
Soprattutto quando leggi che sono una fregatura certa

20Giu/131

Un pentolino di ca**i nostri

No Gravatar

Anonimo.jpgNei giorni scorsi ha tenuto banco la notizia del Datagate, ovvero lo scandalo dei dati spiati a milioni di utenti ad opera della NSA (National Security Agency). A parte le considerazioni sulla liceità di tali operazioni, vorrei portarvi a riflettere assieme a me a quanta della nostra privacy rinunciamo giornalmente, consapevolmente o meno. Partiamo dal più vasto Grande Fratello... no non quella riserva di casi umani televisivi... il Grande Fratello di George Orwell, citato in "1984". Vi svegliate al mattino, e con il vostro smartphone, con il quale potete comunicare ovunque dal 1990, o giù di lì, perchè la comunicazione di massa è una grande rivoluzione, fate sapere a tutto il mondo, con Twitter, con Facebook che avete appena fatto la cacca. Il vostro smartphone per funzionare si collega ad un satellite che nel giro di pochi secondi non solo diffonde questa imperdibile notizia ANSA, ma fa anche sapere a tutto il mondo dove la state facendo. Se volete potete aggiungere una foto, magari su Instagram. Domani mattina, il Sig. Antonetto, vi farà trovare via mail una eccezionale offerta: fornitura a vita di Dolce Euchessina a soli 15 euri al mese.

12Nov/112

Silvio non mangia il panettone

No Gravatar

Ecco, l'inno italiano mi sembrava il modo migliore per festeggiare questa giornata di liberazione, si spera, da quasi 20 anni di appiattimento sulle questioni, vere o presunte, di un unico personaggio. Non ci sono più scuse, per nessuno, tanto per la maggioranza, ormai ex, sembra, quanto per l'opposizione. Non ho problemi ad ammettere che sono disposto ad accettare di arrivare alla fine della legislatura con la maggioranza delle ultime elezioni, si spera con altri volti. L'unico imperativo DEVE essere però un confronto su programmi, idee, misure. PUNTO. Fratelli d'Italia, l'Italia s'è desta? Addio Silvio. A mai più rivederci.

24Set/110

Balle spaziali

No Gravatar

UARS_1.jpg E così il satellite UARS, con buona pace di tutti, alla fine ha raggiunto il suolo del Canada alle 3,30 circa. Bruno Vespa ha dato fuoco al plastico del satellite, ospite onnipresente per le prossime 6500 puntate insieme alle possibili vittime dell'impatto. Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha strappato il discorso da trasmettere a reti unificate con il quale avrebbe cercato di convincere gli spettatori che il satellite era comunista e precipitando avrebbe attentato alla democrazia del paese. Deluse anche Camorra, 'Ndrangheta e mafie varie che non hanno potuto aggiudicarsi gli appalti per costruire alberghi sul luogo dell'impatto, nuova meta turistica delle disgrazie altrui. Amareggiati anche i visitatori che avrebbero potuto fare ciao con la manina alle spalle dei cronisti affranti fra possibili macerie fumanti e godziliardi di vittime. Tutti arrabbiati col satellite? No qualcuno ha tirato un sospiro di sollievo, altri hanno spostato altrove le proprie speranze di disfarsi di tutta questa spazzatura, spaziale e non.

16Set/111

Mi (im)piego ma non mi spezzo

No Gravatar

Restare senza lavoro non è una bella esperienza. E' vero, capita come molti altri eventi che compongono il corso esistenziale di ciascuno ed è l'unica, piccola, consolazione. Il primo impatto con il mondo dei diversamente occupati è il Centro Per l'Impiego, una sorta di santuario di Lourdes in cui i miracoli attesi hanno tutti lo stesso nome: contratto di lavoro.